Kassym-Jomart Tokayev è il nuovo Presidente del Kazakhstan

images

Con il 70% di consensi, Kassym-Jomart Tokayev il 9 giugno è stato eletto Presidente della Repubblica del Kazakhstan. Già  Ministro degli Esteri, Primo Ministro, Presidente del Senato e Presidente della Repubblica ad Interim dopo le dimissioni del Presidente Nazarbayev, Tokayev vanta una lunga carriera politica iniziata ricoprendo numerosi incarichi all’estero, prima come rappresentante dell’URSS e poi, dopo la nascita della Repubblica del Kazakhstan, per il proprio Paese.

In qualità di Presidente del Senato del Kazakistan fu eletto nel 2008 vicepresidente dell’Assemblea parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Nel marzo 2011 fu nominato sottosegretario generale delle Nazioni Unite, direttore generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra e rappresentante personale del segretario generale delle Nazioni Unite alla Conferenza sul Disarmo, di cui è stato anche segretario generale. Ha rivestito altresì il ruolo di Ufficiale designato alla sicurezza del personale delle Nazioni Unite per la Svizzera.

Ha svolto un dottorato in scienze politiche ed è autore di nove libri e numerosi articoli sugli affari internazionali. Membro dell’Accademia Mondiale delle Arti e della Scienza, ha fatto parte del novero delle personalità eminenti della Conferenza di Monaco di Baviera sulla sicurezza, oltre ad essere professore eonorario dell’Università di Shenzhen e professore onorario e dottore dell’Accademia diplomatica del Ministero degli Affari Esteri della Federazione russa, del cui consiglio di amministrazione è componente. È rettore onorario della Scuola di Ginevra per la Diplomazia e per le Relazioni Internazionali. In qualità di segretario generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra ha ricevuto il premio Academicus dall’università ginevrina.

 

In motocicletta da Napoli a Tokyo, passando per il Kazakhstan

The Yellow Horse Project, il viaggio da Napoli a Tokyo di Rosaria Iazzetta “per raccogliere le idee delle donne di undici Paesi” ha fatto tappa nel mese di agosto in Kazakhstan.

L’Artista partenopea, a bordo della sua Yamaha, sta percorrendo migliaia di chilometri attraverso 11 nazioni per realizzare un itinerario che lega idealmente due città (e due mondi) molto distanti tra loro, Napoli e Tokyo, raccogliendo testimonianze di artiste, sportive, giornaliste e di tutte quelle donne che siano riuscite a realizzarsi affermando il proprio sogno.

Nella Capitale Astana, Rosaria Iazzetta ha incontrato la violinista di fama internazionale Aiman Mussakhajayeva, insignita dal Presidente della Repubblica Nazarbayev del prestigioso titolo di “National Artist of Kazakhstan”. L’incontro si è svolto in presenza dell’ Ambasciatore italiano ad Astana, Pasquale D’Avino.

Inoltre, nel corso del suo soggiorno la Prof.ssa Iazzetta ha avuto modo di visitare  la Galleria di Arte Moderna “Khas Sanat” accompagnata dalla vice Direttrice Zhanel Zholzhaksy,  dove ha incontrato anche la Dr.ssa Zamzagul Amanzhanova, a capo  di un Comitato per la cooperazione internazionale ed altre rappresentanti del mondo della Cultura e delle Arti della Repubblica del Kazakhstan.

A seguire, la visita al Circolo dell’Unione degli Artisti di Astana, dove Almagul Malikova ha introdotto le opere della coppia di artisti Sembigasli Smagulova e Actoty.

Questi incontri hanno creato le premesse per realizzare un’intensa collaborazione artistica tra la città di Napoli e la Repubblica del Kazakhstan.

iazzetta-kie-U4606010937340600SF-1224x916@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno-593x443IMG-20180815-WA0011IMG-20180817-WA0001