Forum dei Sindaci delle Città della Via della Seta “Global Silk Road”

Pubblichiamo questo articolo di Domenico Letizia, Presidente dell’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale apparso il 23/06/2018 su Notizie Geopolitiche

di Domenico Letizia *

Il Kazakistan ritorna al centro dell’attenzione internazionale nella promozione di dibattiti innovativi legati alla gestione intelligente delle città, degli spazi e del vivere quotidiano. Anche quest’anno ad Astana si svolgerà il Forum dei Sindaci delle Città della Via della Seta “Global Silk Road”, un nuovo approccio alla cooperazione, gettando le basi per uno sviluppo internazionale che guardi con interesse all’eredità storica della Grande Via della Seta. Già nel 2013, ad Astana, capitale del Kazakistan, durante un dibattito presso la Nazarbayev University il presidente della Cina Xi Jinping, propose la nascita di un network mondiale che guardi con interesse a tutti i paesi coinvolti nel progetto della Via della Seta. Il Forum dei Sindaci delle Città della Via della Seta è un evento dibattito che riunisce oltre 30 sindaci e più di 2mila delegati provenienti da 60 paesi diversi pronti a confrontarsi sull’attualità, le opportunità di investimento tra le città, gemellaggi e scambi culturali. I lavori analizzeranno le opportunità e gli strumenti internazionali per intensificare la cooperazione, l’integrazione e il business lungo il percorso della Via della Seta. Assistiamo allo sviluppo del più grandioso progetto internazionale del XXI secolo, che mette al centro delle agende nazionali l’idea di Eurasia e reti globali. Per la prima volta questo progetto non mira alla cancellazione o sottomissione di territori, ma all’edificazione di ponti e scambi, valorizzando tutte le differenze tra i paesi e inseguendo il motto della collaborazione e della pace. Analisti, ricercatori, rappresentanti del governo, delegati delle camere di commercio, ambasciate, procuratori commerciali, esportatori, autorità pubbliche, settore commerciale nelle aree di produzione, R & S, innovazione, energie rinnovabili, agricoltura, turismo, ICT, partnership pubblico-privato, commercio, rappresentanti di università, delegati del settore pubblico, investitori, esperti di comunicazioni e media saranno i protagonisti dal Forum. Durante i lavori, inoltre, si svolgerà anche il Kazakistan Global Investment Roundtable, un incontro di circa 500 dirigenti internazionali kazaki e dirigenti finanziari, investitori ed esperti in tecnologia chiamati a confronto dal primo ministro kazako Bakytzhan Sagintaev. Il Kazakistan ha un potenziale di sviluppo progettuale molto ampio, progetti universalmente riconosciuti e realizzati, ognuno dei quali rappresenta una nuova pietra miliare nell’immagine di crescita della capitale, Astana.
Particolare attenzione sarà dedicata alle prospettive di cooperazione nei settori della sanità, dell’e-commerce e della logistica, dello sviluppo economico attraverso l’utilizzo di nuovi fonti energetiche, pulite e rispettose dell’Ambiente, come impresso anche dal recente Expo di Astana, e un nuovo concetto di solidarietà e innovazione tra i protagonisti della Via della Seta.
Inoltre, l’attuazione del programma “One Belt: One Way” influenzerà lo sviluppo del turismo in Kazakistan. Astana punta a divenire un hub turistico nell’ambito della strategia sviluppata delle autorità per il 2020.

nuova-via-della-seta-2-fuori